0Item(s)

Non hai articoli nel carrello.

Product was successfully added to your shopping cart.

Bando per il ripopolamento e la rivitalizzazione dei centri storici

La nostra sede storica è in Corso Alberto Pio 44, dove è collocato un punto vendita di oltre 100 mq dedicato interamente alla moda femminile.
A pochi metri di distanza, in Corso Alberto Pio 10 abbiamo il nostro store dedicato esclusivamente ai migliori brand di scarpe maschili, mentre al civico 12 sullo stesso corso si trova il nostro temporary-store, dove potrai trovare imperdibili occasioni e fine serie dei nostri marchi delle passate stagioni.

Proprio il nostro negozio storico al civico 44 di Corso Pio, nell’anno 2019 in occasione del passato centenario dall’anno della sua apertura, è stato oggetto di una profonda ristrutturazione che ne ha totalmente cambiato l’estetica e la disposizione interna anche dal punto di vista strutturale.

Il progetto di ristrutturazione in ottica di implementazione dell’appeal commerciale e di riqualificazione della facciata esterna dei locali all’interno dei quali viene condotta la nostra attività è stato realizzato con l’obiettivo di un importante ed incisivo ammodernamento della struttura e quindi delle attività, attraverso spese in opere edili e murarie, in impianti, beni strumentali e attrezzature e arredi.
Gli interventi realizzati, hanno permesso la demolizione e nuova posa di pareti in cartongesso, l’ampliamento della porta di comunicazione esistente che collega i due locali dei quali è composto il negozio, il rifacimento dell’impianto elettrico e posa di nuovi corpi illuminanti sia all’interno che all’esterno. Si è inoltre proceduto all’ampliamento delle vetrine e all’installazione di nuovi sistemi di esposizione dell’abbigliamento e degli accessori, di nuovi arredi espositivi all’interno del negozio e al rinnovo delle sedute, del banco cassa e alla resinatura dei pavimenti.
A tutto ciò si aggiunge il rifacimento dei camerini e l’installazione all’interno del punto vendita di uno schermo interattivo per la visualizzazione dei prodotti in vendita.
Gli investimenti realizzati hanno portato, attraverso l’installazione di nuovi corpi illuminanti e di una nuova vetrina alla valorizzazione dei prodotti commercializzati nonché dell’immobile nel quale l’attività viene esercitata e il tutto conferisce un nuovo appeal alla nostra attività commerciale con risvolti positivi, riteniamo, anche a tutta la via nella quale l’attività è svolta.
Questo intervento nel suo complesso ci ha permesso di partecipare al “Bando per il Ripopolamento e la Rivitalizzazione dei centri storici nei comuni colpiti dal sisma del 20-29 Maggio 2012” (Ordinanza n. 2 e successiva Ordinanza n.3 del 2019) indetto dalla Regione Emilia Romagna, presentando un progetto di spesa che è stato valutato positivamente dal Nucleo di Valutazione.
Successivamente Il Presidente della Regione in qualità di commissario delegato ai sensi dell’art.1 comma2 del D.L. 74/2012 convertito con modificazioni dalla legge n.122 dell’1/08/2012 ha emesso il decreto n.1244 del 4 luglio 2019 con il quale ha approvato la concessione dei contributi previsti dal suddetto bando a 53 aziende presenti nei territori colpiti dal sisma del 20-29 maggio 2012 delle province di Bologna, Modena, Ferrara, Reggio Emilia, Mantova e Rovigo).
Tra i 53 beneficiari dei contributi previsti dal Bando è inserita anche la nostra azienda che a fronte di un progetto di spesa con successiva rendicontazione pari ad euro 154.342,44 (ammesso sulla base dei criteri indicati nel Bando per un importo di Euro 146.096,43) ha ottenuto un contributo pari a euro 102.267,50 soggetto a tassazione.

Ai fini dell’attuazione del suddetto bando rileva la seguente normativa comunitaria e nazionale : - comma 1-bis dell’art.11 del D.L. N.74/212 “ Al fine di sostenere la ripresa e lo sviluppo del tessuto produttivo dell'area colpita dagli eventi sismici del 20 e del 29 maggio 2012, le risorse residue disponibili su ciascuna contabilità speciale alla data di entrata in vigore della presente disposizione, a valere sull'autorizzazione di spesa di cui al comma 1 del presente articolo, possono essere utilizzate anche per agevolazioni nella forma di contributo in conto capitale, alle imprese che realizzino, ovvero abbiano realizzato, a partire dal 20 maggio 2012, investimenti produttivi nei territori individuati dal comma 1 dell'articolo 1, ovvero nei territori elencati dall'Allegato 1 al presente decreto, integrati dai territori individuati dall'articolo 67-septies del decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 134, e successive modificazioni.